NEWS

Rapporti Cisl Uil. Il destino dei rapporti sindacali è secondario rispetto a quello di lavoratori e pensionati

Risposta di Paolo Burli agli attacchi di Lorenzo Pomini (Cisl) ed Ermanno Monari (Uil)

Dichiarazioni di Paolo Burli, segretario generale della Cgil del Trentino

«La Cgil del Trentino è abituata ad assumere i propri orientamenti solo ed esclusivamente rispetto al merito delle questioni ed ha sempre cercato di condividere questo metodo con le altre sigle sindacali, senza mai interrompere i rapporti unitari neppure quando erano più forti le divisioni a livello nazionale.

Questo perché la Cgil del Trentino, difendendo il principio dell'autonomia dalla politica a Trento come a Roma, è impegnata a dare il proprio contributo affinché la nostra provincia sappia uscire dalla crisi più forte, più dinamica e più coesa. Non abbiamo mai fatto i giudici della coerenza o dell'incoerenza altrui e non abbiamo intenzione di iniziare ora.

E' arrivato il tempo di abbassare i toni. Oggi infatti il destino dei rapporti tra Cgil, Cisl e Uil è secondario rispetto a quelli di tante lavoratrici e lavoratori, di tante pensionate e pensionati, di tanti giovani e precari che sono colpiti dalla crisi economica».

26 ottobre 2011

 

 

TORNA SU