NEWS

Il 5 aprile è la giornata del tesseramento Cgil

Per la Cgil solo il tesseramento ègaranzia di vera democrazia sindacale. Martedì assemblee in tutto ilTrentino e un gazebo in centro a Trento. Presenti anche i servizi perle consule

La giornata del 5 aprile sarà dedicata dalla Cgil nazionale al tesseramento. Anche in Trentino il sindacato di via dei Muredei organizzerà per l'occasione una serie di iniziative sul territorio che sono state illustrate oggi in una conferenza stampa da Mirko Carotta, segretario organizzativo della Cgil del Trentino, e da Simonetta Suaria, direttore del patronato Inca, in rappresentanza di tutti i servizi della Cgil provinciale.

L'idea di dedicare una giornata al tesseramento nasce dalla stretta contingenza sindacale: i contratti separati dei metalmeccanici e del commercio, nonché la vicenda Fiat, per la Cgil rischiano di trasformare in prassi un triste precedente: chi rappresenta la maggioranza degli iscritti di un settore potrebbe essere estromesso dalla contrattazione. Così tornare a promuovere il significato dell'adesione al sindacato tra i lavoratori e i cittadini, diventa centrale per la Cgil per difendere il ruolo della rappresentanza come principio cardine della democrazia sindacale, oggi negata a livello nazionale dal Governo e dalle organizzazioni datoriali.

Come detto, nella giornata di martedì 5 aprile la Cgil del Trentino organizzerà una serie di assemblee dei lavoratori in diverse aziende e enti: da quella del personale del Tribunale di Rovereto a quella della segheria della Magnifica a Tesero, dall'assemblea dei lavoratori Itas a quella del magazzino Melinda di Tuenno, da quella dello stabilimento ex Borgo 21 di Mattarello a quella dei lavoratori ex Sodalia di Trento.

Oltre agli incontri sui luoghi di lavoro, martedì la Cgil del Trentino monterà un gazebo in centro storico a Trento. Per tutta la giornata, all'angolo tra via Oss Mazzurana e via Oriola, sarà possibile incontrare i sindacalisti della Cgil, ricevere materiali informativi sull'attività del sindacato e soprattutto avere in diretta una consulenza previdenziale. Infatti, grazie agli operatori del patronato INCA presenti per l'occasione, ogni cittadino potrà verificare se, nel corso del tempo, sono stati correttamente accreditati tutti i contributi previdenziali dovuti. Un servizio preziosissimo per tutti coloro che andranno in pensione con il sistema contributivo. Pper questi infatti ogni contributo perso significa una riduzione dell'assegno di pensione o un periodo di lavoro in più.

1 aprile 2011

 

 

TORNA SU