NEWS

6 maggio, sciopero generale

In Trentino astensione di otto ore con corteo e manifestazione nel capoluogo. Chiude il concerto di Anansi. La Cgil protesta contro il Governo, gli accordi separati e l'attacco ai diritti

6 maggio, sciopero generale

Il 6 maggio sarà sciopero generale. In Trentino l'astensione durerà per otto ore, quindi tutta la giornata lavorativa o per l'intero turno di lavoro. Proclamato a livello nazionale dalla sola Cgil  e annunciato ormai tre mesi fa dalla segreteria generale Susanna Camusso,  con lo sciopero la Cgil vuole spingere il Governo ad attuare politiche di tutela del lavoro, intende proporrre un nuovo modello contrattuale e sollecita interventi ormai non più rimandabili per lo sviluppo e la crescita economica.

Nel documento politico approvato dal direttivo che ha proclamato lo sciopero, si sosteneva che “è necessario rimettere al centro il tema del lavoro e dello sviluppo, riconquistare un modello contrattuale unitario e battere la pratica degli accordi separati, riassorbire la disoccupazione, contrastare il precariato, estendere le protezioni sociali e ridare fiducia ai giovani. Serve una nuova stagione fatta di obiettivi condivisi e rispettosi della dignità del lavoro e serve definire le regole della democrazia e della rappresentanza”.

In Trentino, come detto sarà di otto ore per tutti i settori. La Cgil provinciale organizzerà nella mattinata del 6 maggio un corteo che prenderà le mosse da piazza Duomo per raggiungere piazza cesare Battisti, dove interverranno alcuni delegati, prima del comizio del segretario generale della Cgil del Trentino, Paolo Burli.A conclusione degli interventi sarà la volta di un breve concerto di Anansi, l'artista trentino protagonista dell'ultimo Sanremo giovani.
 
La Cgil del Trentino offre anche un servizio di trasporto dalle diverse località dellel vallate. Pullman partiranno da Borgo, Pergine, Storo, Tione, Riva, Arco, Rovereto, Cavalese, Cles e Mezzolombardo. Per prenotazioni basta scrivere una mail all'indirizzo accoglienza@cgil.tn.it o telefonare al numero 0461/303911.


30 aprile 2011

 

 

TORNA SU