NEWS

Pulizie Asis. Filcams Cgil e Uil Trasporti: “Le coop rispettino gli accordi e il capitolato d'appalto”

Incontro oggi con la direzione di Asis che si è impegnata a verificare il corretto comportamento delle coop. Per i sindacati vengono violati gli accordi sul monte ore

(a.g.) - L'impegno c'è. Asis, l'azienda speciale per la gestione degli impianti sportivi del Comune di Trento, per bocca del suo direttore Luciano Travaglia, nel giro di pochi giorni verificherà la fondatezza della denuncia di Filcams Cgil e Uil Trasporti in merito all'utilizzo di lavoratori del lotto 2 sul lotto 1 da parte delle cooperative che gestiscono in appalto il servizio di pulizie, violando così non solo gli accordi sindacali, ma anche il capitolato d'appalto.

Secondo Filcams Cgil e Uil Trasporti il mancato rispetto degli accordi sindacali rischia di provocare grave danno ai lavoratori del lotto 1 che, in mancanza del rispetto del monte ore ordinario e straordinario, potrebbero rimanere senza stipendio nei mesi estivi. Oggi all'incontro con Travaglia le organizzazioni sindacali hanno presentato una serie di documenti per comprovare le proprie accuse e hanno ribadito al direttore di Asis di avere notizia che violazioni agli accordi sindacali continuano ad essere messe in atto dalle coop nonostante le proteste sindacali.

Per questo i sindacati e i lavoratori hanno chiesto l'immediato ripristino delle corrette condizioni di lavoro, a partire dal rispetto della clausole dell'accordo sottoscritto all'atto del cambio di appalto del 2009. Se ciò non avverrà a breve, Filcams Cgil e Uil Trasporti chiedono un intervento diretto di Asis sulle società cooperative aggiudicatarie, sanzionando le violazioni degli accordi come sancito dal capitolato d'appalto.Allo stesso tempo i sindacati e i lavoratori ribadiscono la richiesta di un incontro con i vertici delle cooperative che gestiscono il servizio di pulizie degli impianti sportivi. Un incontro richiesto fin dal 16 settembre scorso, ma che non ha avuto ancora luogo per volontà delle coop che non hanno mai nemmeno risposta alla richiesta di incontro.

A questo proposito Filcams Cgil e Uil Trasporti annunciano che, di fronte al perdurare del silenzio delle coop, si vedranno costrette, d'intesa con i lavoratori che torneranno a riunirsi in assemblea entro i primi giorni di novembre, ad organizzare iniziative anche eclatanti.

22 ottobre 2010

 

 

TORNA SU