NEWS

Riforma sanità. Loro (Cgil): «Grave il mancato coinvolgimento dei sindacati»

L'asse Upt-Patt fa naufragare gli emendamenti che estendevano la partecipazione delle organizzazioni sindacali alla programmazione socio-sanitaria

Riforma sanità. Loro (Cgil): «Grave il mancato coinvolgimento dei sindacati»

 

Sono stati bocciati in aula dal Consiglio provinciale due emendamenti alla legge di riforma della sanità in Trentino che prevedevano l'indicazione da parte delle organizzazioni sindacali di un esperto nel nuovo osservatorio provinciale per la sanità e la partecipazione degli stessi sindacati confederali ai comitati di coordinamento delle attività socio-sanitarie.

Per la Cgil del Trentino si è trattato di un episodio grave nei rapporti con la Giunta provinciale e con l'assessore Rossi. «L'asse Upt-Patt – scrive in una nota la segretaria confederale della Cgil del Trentino, Claudia Loro – ha voluto affossare la possibilità che le organizzazioni sindacali rappresentative di migliaia di cittadini e di lavoratori dessero il proprio contributo concreto e propositivo alla programmazione provinciale in ambito socio-sanitario».

La Cgil del Trentino ricorda che invece la legge provinciale 13, quella sul welfare, nel nome della concertazione, garantisce ai sindacati ampi spazi di partecipazione nella determinazione delle politiche sociali. «Spiace invece rilevare – continua Loro – che su un tema fondamentale e di frontiera come quello dell'integrazione socio-sanitaria - questione cruciale per una società che invecchia velocemente – la giunta voglia fare da sola, escludendo le organizzazioni sindacali che rappresentano una fetta di cittadinanza molto interessata a questi servizi, in primis i pensionati».

«Questa decisione – conclude Loro – è ancora più grave se si pensa che giunta e assessore hanno più volte sottolineato come, grazie a questa legge, si sarebbe garantita una maggior partecipazione di cittadini e associazioni alla definizione delle strategie in materia sanitaria. Belle parole, smentite dai fatti».

16 luglio 2010

 

 

TORNA SU