NEWS

Casa Girelli. Montani (Flai Cgil): “Pronti alla mobilitazione”

«L'incontro di oggi sul destino di Casa Girelli è stato purtroppo ancora interlocutorio. L'assessore Mellarini si è però impegnato a convocare un tavolo con i vertici della Cooperazione e della cantina La Vis, dopo l'assemblea dei soci del consorzio vinicolo del 21 luglio. Se entro il 25 luglio non si aprirà questo confronto siamo pronti a mobilitarci».

Stefano Montani, segretario generale della Flai Cgil del Trentino, rilancia ancora un volta la questione Casa Girelli, la cantina di viale Verona a Trento di cui è proprietario il consorzio La Vis. «Ci sono ben 60 lavoratori – dice preoccupato il sindacalista – che da mesi attendono di sapere quale sarà il loro destino all'interno della riorganizzazione del consorzio. E' tempo che chi sa, parli chiaro».

La preoccupazione è che i volumi produttivi stiano calando, mentre le commesse sembra non vadano oltre la fine dell'anno. A scanso di equivoci, Montani ribadisce che l'occupazione dovrà essere difesa ad ogni costo. «La vera ricchezza di Casa Girelli – aggiunge Montani -, al di là della valorizzazione immobiliare dello stabilimento, è la forza lavoro. Dalla Cooperazione e dal nuovo presidente di La Vis, Vittorio Brugnara, vogliamo impegni certi a tutela dell'occupazione».

Di qui la richiesta a Mellarini di farsi garante del confronto, attivandosi affinché entro il 25 luglio si possano mettere intorno ad un tavolo tutti i protagonisti della vicenda, per far piena luce sul destino di Casa Girelli. «Se entro quella data – conclude Montani – non sarà stato convocato l'incontro che abbiamo chiesto, la mobilitazione di tutti i lavoratori sarà inevitabile».

7 luglio 2010

 

 

TORNA SU