NEWS

Causa Mondini Spa. “La Filcams non sarà mai un sindacato asservito alle imprese”

La categoria rilancia: "Non ci lasceremo intimidire dalle continue denunce"

Negli scorsi giorni il Tribunale Penale di Trento, nella persona del Giudice dott. Marco La Ganga, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale della causa intentata per diffamazione dall’imprenditore Paolo Mondini e da Mondini Spa nei confronti del sindacalista Roland Caramelle, difeso dall’Avv. Tiziano Bonato. 

Per quanto riguarda il procedimento Civile, nell’atto di citazione Mondini chiede un risarcimento di 150mila euro asserendo che le dichiarazioni di Roland Caramelle apparse sui mass media locali lo scorso aprile 2009 in occasione dei licenziamenti che la ditta Mondini aveva attuato a seguito di una procedura di mobilità che non aveva trovato il consenso sindacale, hanno creato un danno all’immagine all’imprenditore ed all’azienda. La prima udienza civile si terrà nel mese di ottobre 2010 e Roland Caramelle sarà difeso in giudizio dall’Avv. Sonia Guglielminetti.

L’esorbitante somma di denaro richiesta da Mondini a titolo di risarcimento del danno mostra quanto sia esosa e spropositata l’azione giudiziale intentata nei confronti del sindacalista.La Filcams Cgil del Trentino ritiene queste azioni di denuncia e richiesta di risarcimento oltre che infondate, insidiose in relazione all’esercizio dei fondamentali diritti costituzionali quali la libertà di manifestazione del pensiero, declinata nella sua tipica manifestazione del diritto di critica.

Com’è nella natura dell’imprenditore esercitare la sua attività economica in funzione dei propri interessi, finalizzati alla realizzazione del profitto dell’impresa, e questi vengono raggiunti attraverso la compressione di diritti ed interessi economici dei propri dipendenti o attraverso il licenziamento di lavoratori che fino a quel momento erano risorse attraverso le quali l’imprenditore realizzava il suo profitto, così è nella natura del sindacato esercitare il ruolo di difensore degli interessi dei lavoratori e della loro tenuta occupazionale. Così come l’imprenditore respinge le richieste del sindacato di ampliamento dei diritti dei lavoratori in quanto contrarie ai propri interessi economici, così il sindacato respinge le richieste dell’imprenditore di ridurre la forza lavoro attraverso il licenziamento in quanto contrarie agli interessi primari ed economici dei lavoratori.

In tale dialettica il ruolo delle parti è essenziale per il raggiungimento di un equilibrio sociale. Pertanto, il confronto, che si realizza anche attraverso l’esercizio del diritto di critica da parte di tutti gli attori sociali coinvolti, è coessenziale all’esistenza delle relazioni sindacali stesse.La Filcams Cgil del Trentino è un sindacato indipendente che basa la sua azione unicamente su interessi particolari dei lavoratori e che non si subordina agli interessi economici ed agli obiettivi delle imprese.In particolare, come dimostra questa vicenda, in un periodo di crisi globale dell’economia e dell’ideologia “dell’infinita potenza redistributrice di ricchezza per tutti” del liberismo, in cui le imprese, salvo casi eccezionali, tentano di mantenere i propri guadagni e profitti facendo pagare unicamente ai lavoratori. E più i lavoratori sono divisi in forme contrattuali e costretti in situazioni anche normative di ricattabilità sociale, maggiore è la possibilità che queste scelte realizzino gli obiettivi economici prefissati.

I sindacalisti ed i delegati della Filcams Cgil del Trentino che fondano la loro azione e pratica quotidiana sul contrasto alle egemonie culturali generali di subordinazione alle logiche antisociali padronali che vorrebbero invece un sindacato notabile ed asservito ai loro interessi, dopo le denunce delle aziende Orvea, Lidl ed ora Mondini dichiarano che con sempre più convinzione non si faranno intimorire, convinti che solamente la coerenza potrà essere utile alla difesa degli interessi, dei diritti e della dignità dei lavoratori che subiscono quotidianamente soprusi e prepotenze.

11 giugno 2010

 

 

TORNA SU