NEWS

BTB Intesa. Incontro per la cessione delle filiali extraregionali

Il vertice  giovedì 29 aprile a Milano. Intanto il direttivo della Fisac Cgil esprime anche preoccupazione per la situazione finanziaria in Europa e per le sue possibile ricadute sul sistema creditizio locale

Si è riunito questo pomeriggio il direttivo provinciale della Fisac Cgil del Trentino, il sindacato di categoria delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto bancario e assicurativo nella nostra provincia. Il direttivo ha discusso della situazione generale del settore in Trentino e del progetto di radicamento sul territorio dei gruppo bancari nazionali.
 
In particolare, è stato ricordato che domani, giovedì 29 aprile a Milano, si terrà il primo incontro tra i vertici del gruppo Intesa San Paolo e i sindacati di categoria per la cessione delle filiali extraregionali di Banca di Trento e Bolzano. Nel progetto di banche regionali del gruppo capitanato da Corrado Passera, si prevede infatti che, come in Trentino Alto Adige gli sportelli di Intesa saranno solo quelli marchiati BTB, così la banca trentina dovrà cedere le proprie attività nelle altre regioni.
 
Così, dal 21 giugno, BTB dovrà cedere tre punti operativi nella provincia di Brescia a Intesa per circa 10 dipendenti e dieci punti operativi nelle province di Belluno, Treviso e Verona a Cassa di Risparmio del Veneto per un totale di circa 40 dipendenti. Lo stesso istituto veneto dovrebbe cedere i propri sportelli operanti in Trentino-Alto Adige a partire dal 13 settembre. Si tratta di sette punti operativi per circa 30 dipendenti.
 
Il direttivo infine ha espresso forte preoccupazione per la grave situazione di incertezza sui mercati finanziari europei causata dal dissestato bilancio pubblico della Grecia, anche per le eventuali ricadute sul sistema creditizio a carattere territoriale in Trentino. 

 

28 aprile 2010

 

 

TORNA SU