NEWS

ASSUNZIONI NELLA SCUOLA TRENTINA

Sono state 254 le immisioni in ruolo decise dalla Giunta provinciale. Il 20 agosto il via ai contratti a termine: per loro la nuova edizione della guida Flc Cgil

ASSUNZIONI NELLA SCUOLA TRENTINA

 

Saranno quasi sicuramente oltre 1.500 i docenti che, a partire dal 20 agosto, potranno essere assunti nella scuola trentina con un contratto a termine. E' l'esercito dei supplenti, gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie che, pescati dalle graduatorie provinciali, garantiranno la messa a regime dell'organico per l'anno scolastico 2009/2010.

Lo scorso anno le assunzioni a termine coinvolsero 930 insegnanti, ma molte cattedre furono assegnate dopo il 31 agosto in quanto le graduatorie provinciali, chiuse allora da ben quattro anni, andarono presto esaurite. Quest'anno il problema non dovrebbe porsi. Le graduatorie infatti, dopo la riapertura dell'autunno scorso, sono state rimpinguate da ben 800 insegnanti di nuova iscrizione o provenienti da altre regioni. Così l'anno scolastico 2009/2010 dovrebbe partire senza intoppi.

La Flc Cgil del Trentino ha preparato una guida dedicata a tutti gli insegnanti supplenti. Oltre al regolamento per gli incarichi a termine e le disposizioni per le graduatorie di istituto e l'interpello, l'edizione di quest'anno è arricchita anche da una sintesi del contratto collettivo provinciale di lavoro.

Intanto, all'inizio di agosto, sono avvenute le nuove immissioni in ruolo. La delibera della giunta provinciale n. 1821 del 24 luglio 2009 aveva confermato i criteri utilizzati l'anno scorso per determinare il contingente di immissioni in ruolo per l'a.s. 2009/2010 e cioè:

  • assunzioni pari al 30% dei posti vacanti per quei posti o classi di concorso in cui il rapporto docenti di ruolo/organico è superiore al 92%
  • assunzioni pari al 50% dei posti vacanti per quei posti o classi di concorso in cui il rapporto docenti di ruolo/organico è uguale o inferiore al 92%

Queste percentuali avrebbero determinato un numero di nuove assunzioni a tempo indeterminato pari a circa 228. La Provincia invece, anche a fronte delle richieste delle organizzazioni sindacali, ha stabilito di portare il contingente di nuove assunzioni a quota 254, potenziando in particolar modo l'organico della scuola primaria, anche in considerazione della necessità di rafforzare il numero di insegnanti di lingua straniera.

Le percentuali di copertura degli organici da parte del personale docente a tempo indeterminato per la scuola di ogni ordine e grado e le tabelle delle immissioni in ruolo per tipologia, posto e classe di concorso sono scaricabili qui a fianco.

Nell'incontro di fine luglio con l'amministrazione provinciale, i funzionari del dipartimento istruzione avevano già presentato alle organizzazioni sindacali criteri, modalità e numero delle assunzioni per il prossimo anno scolastico. In quell'occasione la Flc Cgil ha espresso il proprio apprezzamento riguardo alla volontà di stabilizzare il personale precario in un contesto non certo facile come quello attuale. In effetti le 254 assunzioni a tempo indeterminato sono superiori al numero di docenti che hanno deciso di collocarsi in pensione.

La Flc Cgil ha però ribadito che, se la necessità è quella di coprire il maggior numero di posti possibile con personale a tempo indeterminato, occorre ridurre il numero di cattedre disponibili temporaneamente che, ad oggi, risulta essere ancora inspiegabilmente troppo elevato. Ciò è testimoniato anche dal fatto che nelle graduatorie di ogni ordine e grado si trovano precari con quindici o venti anni di servizio alle spalle.

Pur consapevole che esista una differenza tra organico di diritto ed organico di fatto data dagli utilizzi del part time, dalle aspettative e in altri compiti, il sindacato ritiene che la sproporzione tra A e T così elevata. L'Amministrazione si è presa l'impegno di analizzare tale situazione e di dare una risposta entro qualche mese.

18 agosto 2009

VAI al sito di Vivo Scuola

VAI al sito della FLC nazionale

 

 

TORNA SU