NEWS

Sciopero generale. Venerdì la Cgil in piazza per un fisco più giusto

Il 12 marzo a Trento presidio sotto il Commissariato del Governo. Burli: “Meno tasse su lavoro dipendente e pensionati”

Sciopero generale. Venerdì la Cgil in piazza per un fisco più giusto

Sarà sciopero generale anche in Trentino venerdì 12 marzo quando la Cgil in tutta Italia chiamerà a mobilitazione tutte le lavoratrici e i lavoratori, le pensionate e i pensionati italiani per chiedere al Governo Berlusconi una riforma del fisco a favore dei redditi da lavoro dipendente e da pensione.

«Sono queste le categorie – spiega Paolo Burli, segretario della Cgil del Trentino, illustrando le ragioni dello sciopero – che pagano le tasse fino all'ultimo centesimo. A loro il governo deve restituire qualcosa subito anche per alleviare gli effetti della crisi economica. Per trovare le risorse Berlusconi e Tremonti abbandonino le logiche dei condoni e aumentino le tasse sui grandi capitali combattendo poi fino in fondo la battaglia contro elusione ed evasione fiscale».

""
100309 cs sciopero generale 12 marzo

Nella piattaforma nazionale, oltre alla riforma del fisco, la Cgil chiede l'abbandono dell'ipotesi di un arbitrato che superi i vincoli dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori nonché interventi su ammortizzatori sociali nazionali. «Su questo versante – conclude Burli – il Trentino è il territorio più avanzato e innovativo in Italia. Grazie al reddito di garanzia, il sostegno economico ai precari e ai cassintegrati, le politiche attive del lavoro la nostra provincia diventa un faro per tutto il Paese».

Lo sciopero di venerdì in Trentino, proclamato dalla sola Cgil, durerà complessivamente quattro ore. Alle ore 10.30 presso il Commissariato del Governo è programmato un presidio al quale sono invitati a partecipare tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori, le pensionate e i pensionati trentini.

9 marzo 2010

 

 

 

TORNA SU