NEWS

Cgil Cisl Uil: "Più produttivi con una migliore organizzazione del lavoro"

Appello alle imprese. "Fissiamo le buone pratiche per la contrattazione di secondo livello".

Cgil Cisl Uil:

Un patto sulla produttività per dare fiato all'economica, migliorare le prospettive di crescita e così rilanciare i salari dei lavoratori. E' questo il senso della proposta lanciata da Cgil Cisl Uil del Trentino in occasione del terzo appuntamento per il monitoraggio dell'attuazione della manovra anti crisi in Provincia di Trento.

In quest'occasione, dedicata al tema dello sviluppo e della produttività, i segretari generali delle tre confederazioni sindacali hanno preso carta e penna ed hanno riproposto ad imprese ed ente pubblico un patto di sistema che individui buone pratiche nei campi dell'organizzazione del lavoro, della democrazia economica e della formazione continua da tradurre in linee guida per la contrattazione territoriale ed aziendale.

SCARICA QUI A FIANCO IL TESTO INTEGRALE DEL DOCUMENTO

Un patto soft. cosi l'hanno definito i sindacati. che vuole riportare al centro del dibattito sull'economia e lo sviluppo gli attori principali del sistema produttivo: i lavoratori e le imprese. A queste ultime i sindacati trentini chiedono di sedersi ad un tavolo per definire insieme obiettivi e metodi di un nuovo modello di contrattazione.

Intanto in Provincia gli interventi del professor Enrico Zaninotto e dell'ex direttore di Confindustria Innocenzo Cipolletta affrontano il nodo della produttività, ancora troppo bassa in Italia rispetto a molti paesi europei. Il Trentino resta sulla stessa lunghezza d'onda. La ricetta per uscire dalla stasi? Aumentare la nascita di nuove imprese, sostenerne la crescita dimensionale e garantire un robusto sistema di welfare per proteggere i lavoratori dentro la competizione tra le aziende.

29 settembre 2009

 

 

TORNA SU