NEWS

Fondo per la non autosufficienza, prosegue la mobilitazione dei sindacati dei pensionati

Al via anche in Trentino la campagna di raccolta firme

Fondo per la non autosufficienza, prosegue la mobilitazione dei sindacati dei pensionatiI Direttivi unitari di SPI-FNP-UILP riuniti in assemblea, sentita la relazione introduttiva sull’istituzione di un Fondo Nazionale della non Autosufficienza, dopo ampia e approfondita discussione concordano sulla necessità di avere al più presto una legge istitutiva per la non autosufficienza. Ribadiscono le richieste già presentate al Presidente della Giunta Provinciale, con la lettera aperta del 25 luglio scorso, rimaste inascoltate riguardo a: - l’approvazione del disegno di legge per i non autosufficienti, già licenziato dalla IV° Commissione legislativa, senza che siano snaturati i principi fondamentali concordati a suo tempo con le organizzazioni sindacali; - la definizione dei livelli essenziali d’assistenza sociale (LEAS) e dei livelli essenziali di assistenza ai non autosufficienti (LESNA); - il definitivo accoglimento dei principi delle leggi nazionali 328/200 sull’assistenza e la Legge 229 sulla sanità. Tali provvedimenti si propongono di rafforzare il trasferimento sul territorio dei servizi sanitari, decongestionare gli ospedali, evitando i disagi e i lunghi tempi d’attesa per le visite specialistiche ed i servizi socio assistenziali; - la costituzione di un tavolo di lavoro per una gestione delle tariffe al fine di garantire attraverso questo strumento il recupero del potere d’acquisto della popolazione anziana; - controllo sull’introduzione d’eventuali addizionali con riduzioni e/o esenzioni a favore dei bassi redditi; - verifica ed adeguamento della regolamentazione della L.P. 6/98; legge sulla prevenzione ed assistenza odontoiatrica; - la costituzione della Consulta degli anziani come ulteriore luogo di discussione preventiva dei provvedimenti legislativi d’interesse per le persone anziane e pensionate. Infine deliberano all’unanimità di procedere unitariamente alla raccolta delle firme per la presentazione della proposta di legge d’iniziativa popolare già definita dagli organi nazionali di SPI-FNP-UILP. Decidono, altresì, che in mancanza di riscontro da parte del Presidente della Giunta provinciale sui temi sollevati, congiuntamente alle Confederazioni, saranno intraprese le mobilitazioni più opportune, al fine di ricevere concrete risposte. Ordine del giorno approvato all’unanimità (28 ottobre 2005). ------------------------------------------- Per saperne di più invia una mail a spi@cgil.tn.it oppure chiama il numero 0461/303945

 

 

TORNA SU