NEWS

Delegazione trentina in visita in Abruzzo

L’assessore Lia Beltrami con le realtà che hanno aderito alla campagna di solidarietà. GUARDA IL VIDEO

Delegazione trentina in visita in Abruzzo(l.r.) Una delegazione trentina, composta da varie realtà che hanno aderito al progetto di solidarietà con le popolazioni terremotate dell’Abruzzo, ha effettuato oggi un sopralluogo per valutarelo stato di avanzamento dei lavori di soccorso realizzati dalla Protezione civile trentina, nel quadro degli interventi previsti a livello nazionale. A guidare la delegazione l’assessore alla solidarietà internazionale e convivenza Lia Giovanazzi Beltrami che in mattinata ha accolto anche i ministri Umberto Bossi e Roberto Calderoli e il viceministro Roberto Castelli in visita al villaggio che i trentini stanno completando a Onna.

 

 

La visita della delegazione trentina, che comprendeva rappresentanti dell’Associazione Nazionale Alpini di Trento, dell’Anfass, del servizio civile, dell’Unione Italiana Ciechi, dell’Associazione Psicologi per i popoli, della Federazione Trentina della Cooperazione, della Camera di Commercio, di alcuni enti pubblici locali e di associazioni sindacali e imprenditoriali, ha preso il via proprio a Onna, dove la protezione civile trentina sta completando un villaggio di 47 edifici bifamiliari, per un totale di 94 appartamenti di varia metratura, da 44 a 77 metri quadri, in grado di ospitare circa 300 persone, la quasi totalità del paese.

Tra le casette prefabbricate ha trovato spazio anche “l’albero della memoria”, la pianta che nelle ore immediatamente successive al sisma ha accolto sotto le sue fronde le salme di 39 vittime e oggi ne ricorda i nomi e le esistenze con una lapide commemorativa.

Camminando per il centro abitato, quasi totalmente distrutto, la delegazione ha potuto constatare quanto siano ancora evidenti i segni del terremoto che ha colpito i dintorni de L’Aquila il 6 aprile scorso, nonostante in tutta la zona fervano i lavori di ricostruzione e la comunità dia segno di voler riprendere una vita normale.

“Grazie a tutti voi – ha detto l’assessore Beltrami rivolgendosi alla delegazione e agli operatori della protezione civile – per quanto state facendo per la popolazione abruzzese. E’ un impegno che ci fa andare a testa alta nel mondo e che ci ha già permesso di raccogliere, anche grazie a voi, 700.000 euro destinati alla costruzione delle casette prefabbricate che la nostra protezione civile sta installando. Confido che raggiungeremo la cifra di un milione di euro che ci eravamo prefissati. Insieme si può, – ha aggiunto – lo slogan che vediamo affisso all’interno della nostra mensa da campo, è quello che sintetizza nel migliore dei modi questo nostro impegno comune”.

Dopo il pranzo a campo Trento a Paganica, la visita è proseguita al Campo 3 dove è ospitata la popolazione civile, circa 290 persone che hanno perso la casa a causa del terremoto. Al campo il Corpo Forestale Provinciale assicura un presidio costante con i suoi uomini. In tutti gli insediamenti oltre alla Protezione civile è impegnato anche il personale della Croce Rossa e quello dei Nu.Vol.A..

La giornata si è conclusa a Cansatessa presso la chiesa della Risurrezione, realizzata dai Vigili del fuoco volontari.

Intanto in Abruzzo proseguono a San Demetrio i lavori di ultimazione di 21 appartamenti, dieci casette bifamiliari e una singola, mentre a Stiffe si stanno completando 9 casette unifamiliari.

 

da www.ufficiostampa.provincia.tn.it, 6 agosto 2009

 

 

TORNA SU