NEWS

Colf e badanti. La sanatoria e le procedure la regolariazzione

Dal 1° al 30 settembre sportelli Cgil per aiutare famiglie e lavoratori. Fissa un appuntamento al 199.240307. Scarica il materiale informativo

Colf e badanti. La sanatoria e le procedure la regolariazzione

Si parte. La sanatoria per lavoratrici e lavoratori domestici stranieri e italiani entra nel vivo anche in Trentino. Fino al 30 settembre prossimo, le domande di regolarizzazione, che consentiranno a colf e badanti stranieri/e occupati/e prima del 31 marzo scorso di chiedere il permesso di soggiorno, vanno presentate agli uffici dell'Inps per lavoratori italiani e comunitari, e agli sportelli unici per l'immigrazione per i lavoratori extracomunitari.

Anche la CGIL del Trentino, grazie allo sforzo del Patronato Inca e del CAAF Cgil, sarà impegnata per tutto il mese  su questo fronte cercando di aiutare, con consulenze gratuite e il supporto professionale dei suoi operatori, le famiglie trentine e i lavoratori, in primo luogo quelli stranieri fino ad oggi in clandestinità, con le pratiche per la regolarizzazione.

Se hai bisogno di una consulenza chiama il numero unico 199.24.03.07 (*) e fissa un appuntamento. Gli operatori dei servizi Cgil ti forniranno tutte le informazioni utili, ti aiuteranno a compilare la domanda e la trasmetteranno in via telematica al Ministero dell'Interno.
(*) Telefonate al costo di 12 centesimi al min da fisso e 41 centesimi da cellulare 

Qui di seguito le informazioni principali sulla procedura.
(SCARICA ANCHE LA SCHEDA INFORMATIVA COMPLETA in pdf) 

Chi può presentare la domanda di regolarizzazione?

Datori di lavoro, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari, purché in possesso di carta di soggiorno

 



Le informazioni da Cinformi - vai al sito www.cinformi.it

 

Chi può essere regolarizzato?

  • La “sanatoria” riguarda esclusivamente le figure di colf e badanti
  • Lavoratori di nazionalità, italiana, comunitaria o extracomunitaria
  • Ogni nucleo familiare può regolarizzare, massimo una colf addetta al lavoro domestico e due badanti addette all’assistenza a persone non autosufficienti, se lavoratori extracomunitari. Nessun limite numerico per lavoratori Italiani o comunitari.
  • Non sono ammessi alla sanatoria lavoratori extracomunitari che hanno commesso determinati reati


Quali sono i requisiti richiesti per colf E badanti?

  • Il rapporto di lavoro deve essere precedente al 31 marzo 2009 ed essere ancora in corso alla data della domanda di emersione
  • Applicare la retribuzione prevista dal contratto nazionale del lavoro domestico
  • Dichiarazioni mendaci sono sanzionate penalmente

Inoltre:

Per assumere la Colf

Il datore di lavoro deve possedere un reddito imponibile di almeno € 20.000, se famiglia monoreddito, o di almeno € 25.000 se famiglia, convivente, con più redditi

L’orario di lavoro settimanale non deve essere inferiore a 20 ore

La retribuzione mensile non deve essere inferiore al minimo previsto per l’assegno sociale INPS

Per assumere la Badante

Occorre che una struttura sanitaria pubblica o un medico convenzionato, certifichi che la persona da assistere sia affetta da patologie o handicap che ne limitano l’autosufficienza

Se si richiedono due badanti, detta necessità deve risultare dal certificato di cui sopra

Per assumere le badanti non è richiesto alcun limite di reddito

La domanda di emersione può essere fatta da un familiare dell’assistito anche non convivente

Quando si presenta la domanda?

Le domande vanno presentate dal 1° al 30 settembre 2009, senza alcuna priorità per la data di presentazione, alle sedi dell'Inps per lavoratori italiani e/o comunitari oppure allo sportello unico per l'immigrazione per lavoratori di origine extracomunitaria

Quanto e come si paga?

Per presentare la domanda occorre versare € 500 attraverso un bollettino postale, come forfait per la copertura assicurativa e previdenziale del II trimestre 2009. In seguito l'Inps procederà alla richiesta del pagamento dei contributi per il periodo successivo al 30 giugno. Inoltre potrà essere richiesto il pagamento dei contributi per il lavoro eventualmente prestato prima del 31 marzo

 

31 agosto 2009

 

 

TORNA SU