NEWS

Licei. Bertoldi (Flc Cgil): "Si apra il confronto tra giounta e sindacati"

Lo chiede alla giunta il sindacato della scuola per tradurre contrattualmente le novità statali e provinciali. Preoccupazione per il taglio delle risorse richiamato dal ministro Gelmini

Licei. Bertoldi (Flc Cgil):

″Purtroppo, la revisione degli indirizzi dei licei voluta dalla ministro Gelmini, è figlia della logica del taglio delle risorse alla scuola pubblica. Anche questo passaggio quindi risponde più alla necessità di fare cassa piuttosto che a quella di migliorare l'offerta didattica e pedagogica. Speriamo che il confronto che si aprirà a livello nazionale consenta di ribaltare l'attuale impostazione„.

E' questo il commento di Gloria Bertoldi, segretaria della Flc Cgil del Trentino, al varo della bozza di regolamento sugli indirizzi della scuola secondaria a carattere liceale.

″Tra l'altro - continua Bertoldi - a preoccuparci non è certo il passaggio dalle ore di 50 minuti a quelle da 60. A chi paventa proteste sindacali su questo punto, rammento che in Trentino il recupero di questi minuti, da destinare ad attività di supporto didattico, viene normalmente effettuato in quanto obbligo contrattuale.

Temiamo invece una riduzione delle ore tecniche, pratiche e di laboratorio che smentirebbe nei fatti la volontà, annunciata dalla ministro, di privilegiare la scuola del fare a quella puramente teorica. Su questo versante vigileremo affinché anche in Trentino non venga limitata l'offerta didattica di tipo tecnico e professionale„.

Infine Bertoldi rilancia l'idea di un confronto con la Provincia. ″Proprio martedì - annuncia la segretaria della Flc Cgil - incontreremo l'assessore provinciale Dalmaso, alla quale intendiamo avanzare una proposta concreta. Dopo il varo della bozza Gelmini sull'articolazione dei licei e in vista della predisposizione definitiva dei piani di studio provinciali, è tempo di aprire un tavolo di confronto tra assessorato e sindacati per discutere come tradurre, a livello contrattuale, queste novità nell'intento primario di valorizzare tutte le professionalità della scuola trentina„.

14 giugno 2009

 

 

TORNA SU