NEWS

Precari PAT e Apss. Dopo la protesta, le prime stabilizzazioni

Sono quasi i 200 i lavoratori a termine non inclusi nei processi di stabilizzazione concordati da Giunta e sindacati. Dopo il presidio in Consiglio provinciale lo scorso 24 marzo, approvato un emendamento che stabilizza 45 lavoratori

Precari PAT e Apss. Dopo la protesta, le prime stabilizzazioni Sono circa 200 le lavoratrici e i lavoratori dell'amministrazione provinciale e dell'Azienda sanitaria che non rientrano nel piano di stabilizzazione dei contratti a termine “storici”, concordato a settembre dalla Giunta provinciale e dai sindacati del pubblico impiego.

Allora un protocollo d'intesa aveva fissato alcuni criteri per l'avvio dei concorsi riservati ai precari di lungo corso molti dei quali prestano ancora servizio con contratti tempo determinato negli uffici di piazza dante e di viale Verona. Era la legge Finanziaria a dover fissare modalità e quantità dei posti che da precari dovevano diventare stabili. Ma nel disegno di legge che accompagna l'assestamento di bilancio non v'è traccia di alcuna stabilizzazione.

Di qui la protesta dei sindacati e dei precari che hanno sollecitato alcuni emendamenti per dare risposte ai lavoratori ma anche alle amministrazioni. Senza questi impiegati, la qualità dei servizi offerti è a rischio.

Cosi martedì 24 marzo, secondo giorno di confronto in piazza Dante sulla finanziaria, la protesta ha raggiunto l'aula del Consiglio provinciale. Alle 10 le lavoratrici e i lavoratori precari si sono riuniti in assemblea presso l'auditorium del del Museo di Scienze naturali in via Calepina a Trento. Di lì intorno a mezzogiorno si sono trasferiti in Consiglio provinciale. Sindacati e lavoratori hanno potuto incontrare i capigruppo per illustrare loro le proprie richieste.

Nei giorni successivi poi è arrivata una prima risposta. Grazie ad un menedamento al testo della finanziaria, saranno 45 i lavoratori a termine che potranno ambire a veder trasformato, dopo un concorso, il proprio contratto a termine in uno a tempo indeterminato.

28 marzo 2009

 

 

TORNA SU