NEWS

4 aprile a Roma. Burli: “Manifestazione per difendere il lavoro”

Dal Trentino partiranno un treno speciale e oltre 10 pullman alla volta di Roma. Rafforzamento degli ammortizzatori sociali, sostegno alla domanda e investimenti nello sviluppo le richieste della Cgil al Governo Berlusconi.

4 aprile a Roma. Burli: “Manifestazione per difendere il lavoro”

Rafforzamento degli ammortizzatori sociali, a partire dall'estensione della cassa integrazione a 104 settimane. Maggiori detrazioni fiscali per i lavoratori dipendenti per restituire un reale potere d'acquisto alle famiglie e sostenere la domanda e i consumi. Offrire una chance concreta allo sviluppo sbloccando i piccoli appalti per dare fiato all'economia.

Sono queste alcune delle proposte della Cgil per fronteggiare la recessione che saranno al centro della manifestazione nazionale di sabato 4 aprile al Circo Massimo a Roma. La Cgil del Trentino, per illustrare ai trentini il significato della protesta di sabato prossimo, è scesa in piazza a Trento, Rovereto e Riva del Garda.

 

 

«La crisi è davvero dura – ha spiegato il segretario della Cgil del Trentino, Paolo Burli – e i lavoratori dipendenti ne pagano per primi le conseguenze. Basti pensare ai tanti lavoratori che rischiano il posto di lavoro o che vedono alleggerirsi drasticamente la busta paga a causa della cassa integrazione».

Per la Cgil del Trentino gli interventi del governo nazionale sono ancora insufficienti. «Solo il Trentino – incalza Burli – ha stanziato il 5% del Pil per una manovra anti crisi che punta allo sviluppo e alla tutela dei redditi dei lavoratori e dei pensionati. Il Governo Berlusconi ha messo sul piatto solo una percentuale tra lo 0,3 e lo 0,5 del prodotto interno lordo. E' davvero troppo poco per far fronte ad una crisi così drammatica. Lo hanno capito anche gli imprenditori, secondo i quali il Pil italiano crollerà del 3,5% quest'anno. Il Governo quindi deve fare di più».

Anche dal Trentino scenderà a Roma una folta delegazione di lavoratrici e di lavoratori. Fino ad oggi sono già dieci i pullman, oltre ad un treno speciale, che nelle notte di venerdì 3 marzo partiranno alla volta del Circo Massimo. Ma la Cgil del Trentino conta di raccogliere ancora molte adesioni durante la prossima settimana. «Sarà una grande manifestazione democratica e di popolo – conclude Burli – che testimonierà la voglia di centinaia di migliaia di italiani di partecipare attivamente alla vita civile e sociale del Paese. Al Governo chiediamo di ascoltare la voce di tutte queste persone».

28 marzo 2009

 

 

TORNA SU