NEWS

Educatori Anffas. Fp Cgil e Fps Cisl: “Intesa positiva sui precari”

L'intesa garantisce la proroga dei contratti a termine di tutti i tempi determinati a fronte dell'avvio di un processo di stabilizzazione. Per 18 assistenti educatori scolastici stabilizzazione entro settembre 2010.

Educatori Anffas. Fp Cgil e Fps Cisl: “Intesa positiva sui precari” E' stata siglata stamane l'intesa tra l'Anffas e le organizzazioni sindacali sul destino dei lavoratori precari. Protagoniste dell'accordo che garantirà il superamento del vincolo dei 36 mesi alla durata massima dei contratti a termine, sono state la Fp Cgil e la Fps Cisl del Trentino.

«La proroga dei contratti – sottolineano Michele Olivieri (Fp Cgil) e Paolo Adami (Fps Cisl) – è stata concessa dopo l'impegno formale a garantire un progressivo processo di stabilizzazione per tutti i lavoratori oggi impiegati a tempo determinato. In questo senso si è stabilito che il contratti a termine potranno raggiungere la durata massima di 60 mesi mentre l'Anffas si impegna a coprire pensionamenti ed eventuali nuove assunzioni con la trasformazione dei contratti a termine in contratti a tempo indeterminato. E nel frattempo, a questi lavoratori sarà garantita la precedenza nelle assunzioni a tempo determinato».

 

 

Si rasserena il cielo sopra gli assistenti educatori scolastici che proprio la settimana scorsa avevano fatto sentire pubblicamente la propria voce chiedendo appunto la stabilizzazione dopo anni di precariato. «Su questo versante – affermano Olivieri e Adami – abbiamo raggiunto un'intesa molto positiva. A circa 18 educatori verrà garantito in due scaglioni – settembre 2009 e settembre 2010 – un contratto a tempo indeterminato. In pratica anche il servizio di sostegno educativo nelle scuole offerto dall'Anffas, potrà contare finalmente su un nucleo stabile di operatori. Ciò a tutela dei lavoratori ma anche della qualità del servizio. Per questo siamo soddisfatti di come si è conclusa la trattativa con l'Anffas».

30 marzo 2009

 

 

TORNA SU