NEWS

Materne. Bertoli (Flc Cgil): “Urgente l'intervento della Provincia”

I dissidi tra le scuole equiparate stanno innestando un pericoloso processo di “balcanizzazione” dei servizi per l'infanzia.

Materne. Bertoli (Flc Cgil): “Urgente l'intervento della Provincia” «L'intervento dell'assessore all'istruzione, Marta Dalmaso, è oggi più che mai urgente. I dissidi tra le scuole equiparate stanno innestando un pericoloso processo di “balcanizzazione” dei servizi per l'infanzia. Visto che purtroppo la Federazione scuole materne non è stata in grado fino ad oggi di ricomporre le fratture interne, per la Giunta è arrivato il momento di mettere tutti intorno ad un tavolo per decidere, una volta per tutte, come ridisegnare il sistema delle scuole materne a livello provinciale».

Per Gloria Bertoldi, segretaria della Flc Cgil del Trentino, non c'è tempo da perdere. Proprio qualche giorno fa, dopo il varo dell'Agenzia dei servizi per l'infanzia del Comune di Pergine, Bertoldi per la Cgil, insieme agli altri sindacati di categoria, aveva lanciato un sos all'assessorato all'istruzione.

«Avevamo chiesto un incontro a Dalmaso - ricorda la sindacalista – perché ritenevamo urgente capire che tipo di articolazione la Provincia intendeva dare al sistema dell'istruzione infantile. Ora questo incontro è davvero indispensabile».

La Cgil ritiene infatti che, accanto alle scuole materne pubbliche, ci sia il rischio di veder nascere una miriade di soggetti privati che renderebbero più complicato, più oneroso e probabilmente meno efficiente il servizio offerto ai bambini e alle famiglie. «A noi preme la qualità del servizio – avverte Bertoldi – e le condizioni di lavoro del personale delle materne. Temiamo che, se la Provincia, in quanto ente regolatore, non eserciterà fino il fondo il compito di regista del sistema delle scuole per l'infanzia, come previsto dalla legge 13, la frammentazione sarà l'approdo inevitabile. Questa deriva non ci convince per nulla e non vorremmo che a farne le spese fossero i bambini, le famiglie e i lavoratori».

14 marzo 2009

 

 

TORNA SU