NEWS

Argentea. Guarda (Fiom Cgil): “Nel contratto aziendale la quattordicesima”

Firmato il rinnovo contrattuale per i 110 dipendenti dell'azienda informatica che gestisce il Cup. Nuovi permessi retribuiti mentre una commissione stenderà il regolamento del telelavoro

Argentea. Guarda (Fiom Cgil): “Nel contratto aziendale la quattordicesima”

Firmato stamane il contratto aziendale di Argentea, la spa di servizi informatici che gestisce il centro unico di prenotazione dell'azienda sanitaria della provincia di Trento. «Tra le novità più significative dell'accordo – spiega Michele Guarda della Fiom Cgil che insieme alla rsu ha firmato il contratto – c'è l'introduzione di una quattordicesima mensilità retributiva per tutti e 110 i dipendenti di Argentea».

«Si tratta di un risultato molto positivo - continua il sindacalista -  soprattutto perché va a rimpinguare i bilanci delle lavoratrici e dei lavoratori in un momento particolarmente critico per le famiglie trentine alle prese con la crisi economica. Con questo provvedimento poi l'azienda ha riconosciuto – e di questo le va dato atto - l'impegno costante dei lavoratori ad offrire agli utenti e ai clienti un servizio di qualità».

La quattordicesima verrà erogata come superminimo non assorbile pari ad un tredicesimo del salario annuo previsto dal contratto collettivo nazionale. Verrà istituita gradualmente a partire dal 2009 e andrà a regime entro il 2011 quando.

Ma le novità non si fermano qui. Oltre ad aver esteso i permessi retribuiti per esigenze familiari ed aver strappato l'impegno alla realizzazione di un asilo nido interaziendale in convenzione con il Comune di Trento e con il concorso di altre imprese insistenti sulla zona di Centochiavi, a breve verrà steso un regolamento per il telelavoro. «Nei mesi scorsi – ricorda Guarda – l'azienda ha promosso una sperimentazione sulla possibilità di lavorare da una postazione domestica attraverso le tecnologie informatiche. Considerato il buon esito della sperimentazione, oggi abbiamo concordato di dar vita ad una commissione paritetica per la stesura di un regolamento entro e non oltre l'aprile prossimo. È il primo e indispensabile passo per rendere pienamente fruibile la pratica del telelavoro a tutti i dipendenti che ne avessero necessità e convenienza».

5 dicembre 2008

 

 

 

TORNA SU