NEWS

Contratto Fune. Beccati (Filt Cgil): “Chiuso il rinnovo. Il 7 dicembre si scia”

L'accordo, siglato questo pomeriggio da sindacati e Anef a Roma, porterà nelle tasche dei lavoratori 106 euro a regime. Revocato lo sciopero.

Contratto Fune. Beccati (Filt Cgil): “Chiuso il rinnovo. Il 7 dicembre si scia”

 

Questo pomeriggio a Roma presso la sede dell'Anef, l'associazione che riunisce le società funiviarie italiane, è stata siglata l'intesa per il rinnovo del secondo biennio economico del contratto collettivo nazionale di lavoro per gli addetti degli impianti di trasporto a fune.

 

Scaduto il 30 aprile 2008, il rinnovo contrattuale porterà nelle tasche dei lavoratori 106 euro lordi mensili a regime. Inoltre le aziende accorderanno ai propri addetti 400 euro di una tantum a copertura della vacanza contrattuale.

GUARDA l'intervista al segretario Filt del Trentino, Antonio Beccati

A fronte della felice conclusione della trattativa, le organizzazioni sindacali hanno comunicato ai vertici dell'Anef e alle autorità di controllo la revoca dello sciopero nazionale del settore funiviario previsto per il prossimo 7 dicembre.

«C'è grande soddisfazione – commenta il segretario generale della Filt Cgil del Trentino, Antonio Beccanti che ha partecipato alla trattativa nella Capitale – per il risultato raggiunto. Abbiamo strappato un aumento molto superiore a quello che gli imprenditori sembravano intenzionati ad accordarci, anche considerato che fino a pochi giorni fa l'offerta dei datori di lavoro era ferma a 60 euro mensili».

«Il merito di questo risultato – aggiunge Beccati – è tutto dei lavoratori, in particolar modo quelli trentini, che durante le assemblee delle scorse settimane si erano dimostrati pronti a scioperare per sostenere la richiesta di aumenti retributivi dignitosi. La determinazione dei lavoratori porta sempre buoni frutti».

Come detto, l'accordo sul rinnovo economico garantirà piste da sci perfettamente agibili anche in Trentino il prossimo 7 dicembre. « Siamo contenti di come si è chiusa questa vertenza – conclude il sindacalista della Cgil – e anche di aver potuto revocare lo sciopero. Nel ponte di sant'Ambrogio si potrà sciare su tutte le piste italiane e il turismo trentino potrà aprire la stagione invernale nel migliore dei modi».

20 novembre 2008

 

 

TORNA SU