NEWS

Rotaltes Mezzolombardo. Annunciati 19 esuberi

Demozzi (Filtea Cgil) e Dalvit (Femca Cisl): “Chiediamo il ricollocamento del personale espulso”. I licenziamenti giustificati dalla chiusura del reparto tessitura

Rotaltes Mezzolombardo. Annunciati 19 esuberi

Chiude il reparto tessitura della Rotaltes di Mezzolombardo (TN) e 19 lavoratrici e lavoratori restano senza lavoro. Lo ha comunicato la storica azienda tessile, attiva in Rotaliana fin dal 1964, pochi giorni fa alle rappresentanze sindacali. Stamane invece i sindacati hanno incontrato i dipendenti in assemblea.

Gli addetti della Rotaltes sono complessivamente 68. Dopo lo smantellamento del reparto tessitura, presso lo stabilimento di Mezzolombardo rimarranno in vita le attività di confezionamento e commercializzazione di prodotti tessili.

«Stamane – annunciano Milena Demozzi (Filtea Cgil) e Corrado Dalvit (Femca Cisl) – abbiamo discusso con i lavoratori la possibilità di godere di un periodo di cassa integrazione straordinaria. Puntiamo infatti ad una rapida ricollocazione del personale in esubero. A questo proposito abbiamo già allertato l'assessore provinciale all'Industria Marco Benedetti. A lui abbiamo chiesto di farsi parte attiva per le procedure di richiesta della cassa integrazione e per la ricerca di tutte le possibili ricollocazioni professionali dei dipendenti in esubero».

Per i sindacalisti l'intervento della Provincia è urgente e necessario per diverse ragioni. «La prima e più importante – spiegano Demozzi e Dalvit – è che si tratta per lo più di occupazione femminile. Dare un'alternativa certa a queste donne diventa prioritario se davvero vogliamo garantire a sempre più donne la possibilità di trovare un lavoro stabile e dignitoso».

16 settembre 2008

 

 

TORNA SU