NEWS

Marsilli. Montani (Flai Cgil): “Il piano industriale, occasione da non perdere”

Entro ottobre il via libera dell'assemblea dei soci. Ma serve la ricapitalizzazione dell'azienda. La cassa integrazione a rotazione scade a novembre

Marsilli. Montani (Flai Cgil): “Il piano industriale, occasione da non perdere”

«Finalmente il piano industriale per il rilancio della Marsilli c'è. Lo chiedevamo da molto tempo. Ora però attendiamo il via libera dell'assemblea dei soci e la ricapitalizzazione della società. Sono questi i due passaggi decisivi per dare un solido futuro all'azienda».

E' questo il primo commento di Stefano Montani, segretario della Flai Cgil del Trentino, all'uscita dell'incontro con l'amministratore delegato di Marsilli, Gianmario Zana e l'assessore all'industria Marco Benedetti che si è tenuto oggi in Provincia.

L'ad della storica società agroalimentare roveretana non ha illustrato nel dettaglio il nuovo piano industriale ma ne ha presentato gli obiettivi di breve periodo. «In pratica – spiega Montani – l'azienda punta al pareggio di bilancio entro il 2009 per garantire utili a partire dal 2010». Per raggiungere questi obiettivi l'ad vorrebbe snellire il complesso delle attività amministrative, innovare l'organizzazione degli impianti nello stabilimento lagarino e rivedere il sistema commerciale». L'ad Zana intanto ha incaricato uno studio finanziario di certificare la bontà del piano industriale e il fabbisogno di risorse per riportare a regime la produzione. Attualmente l'attività degli impianti è limitata e 25 dipendenti alla volta – sui circa 80 lavoratori complessivi – sono in cassa integrazione a rotazione fino al prossimo novembre.

Il vero scoglio però resta quello della scarsa liquidità aziendale che in questo momento impedisce di fare gli investimenti necessari al rilancio. «Zana – annuncia Montani – si è impegnato a presentare il nuovo piano industriale all'assemblea dei soci entro la metà di ottobre. Una volta ricevuto il via libera, toccherà a Dante Di Dario, patron del gruppo Arena e azionista di maggioranza di Marsilli, decidere se ricapitalizzare l'azienda. Noi chiediamo che ciò avvenga al più presto perché crediamo che l'azienda possa tornare a crescere ed espandere i propri mercati. L'occasione di questo nuovo piano industriale non può essere gettata alle ortiche».

18 settembre 2008

 

 

TORNA SU