NEWS

Precari. Firmata con la Pat un'intesa per nuove stabilizzazioni

Siglato da Cgil Cisl e Uil prevede il superamento delle co.co.co. e dei tempi determinati a favore di contratti subordinati a tempo indeterminato. Interessati anche i precari dell'Apss

Precari. Firmata con la Pat un'intesa per nuove stabilizzazioni

E' stato siglato lunedì 15 settembre un protocollo d'intesa tra organizzazioni sindacali e Provincia autonoma di Trento in ordine al superamento dell'utilizzo delle forme di collaborazione – le cosiddette co.co.co. - negli uffici dell'amministrazione provinciale, ma anche nei suoi enti strumentali e soprattutto presso l'Azienda sanitaria.

L'intesa – ricordano Cgil Cisl e Uil – era stata sollecitata dalle organizzazioni dei lavoratori a margine dell'accordo che aveva portato alle prime stabilizzazioni presso il Mart di Rovereto e il Museo Tridentino di Scienze naturali. «Si tratta – dichiara Claudia Loro della segreteria della Cgil del Trentino – di un ulteriore passo verso l'eliminazione di quelle sacche di precarietà e verso la messa a regime dell'operatività degli uffici pubblici, dopo anni di blocco delle assunzioni che di fatto hanno ingigantito il numero di lavoratori a termine».

Il protocollo prevede una prima fase ricognitiva. Entro poche settimane gli uffici provinciali produrranno una rilevazione puntuale dei fabbisogni strutturali e continuativi. Questi confluiranno in un piano d'azione che verrà preparato entro la fine del 2008. Il piano disporrà quindi le modalità per l'attivazione di nuovi contratti di tipo subordinato a tempo indeterminato, per i quali sarà valorizzato il periodo di lavoro prestato in qualità di collaboratori o di personale a tempo determinato. Il protocollo infatti include nelle nuove procedure di stabilizzazione non solo le co.co.co., ma anche i lavoratori dipendenti a termine.

Dopo il confronto con le organizzazioni sindacali, il piano dovrà fissare il numero del personale interessato, i percorsi e i tempi per la stabilizzazione dello stesso. Dall'inizio del 2009 infine verranno attivate le selezioni nelle quali sarà valorizzata l'esperienza maturata da quei lavoratori che, a partire dal 1 gennaio 2002, abbiamo prestato servizio presso gli enti interessati per almeno 365 giorni anche non consecutivi.

16 settembre 2008

 

 

TORNA SU