NEWS

Assunzioni scuola. Promosso Dellai, Gelmini bocciata

Sono 205 le nuove immissioni in ruolo in Trentino, contro le 211 dello scorso anno. A livello nazionale furono 50mila nel 2007. Oggi il ministro Gelmini le ha dimezzate

Assunzioni scuola. Promosso Dellai, Gelmini bocciata

Sono stati pubblicati su vivoscuola.it gli elenchi delle immissioni in ruolo degli insegnanti in Trentino. La determinazione del dipartimento istruzione della Provincia autonoma di Trento stabilisce 205 nuove assunzioni a tempo indeterminato di personale docente, per lo più già impiegato come precario.                                      Nella foto la ministro
Maria Stella Gelmini
 

Una cifra complessiva molto simile a quella dello scorso anno, quando le immissioni in ruolo furono 211. Nel 2007 però i pensionamenti furono il doppio di quelli di quest'anno. Ma ciò che salta immediatamente all'occhio è il confronto con le immissioni per il 2008 volute dal Governo a livello nazionale. Se in Provincia le assunzioni saranno pari a quelle dello scorso anno, la ministro Gelmini ha drasticamente sforbiciato le assunzioni, riducendole di ben la metà: furono infatti 50mila gli insegnati entrati in ruolo nel 2007 contro le 25mila immissioni previste per quest'anno, a fronte di un piano triennale dell'ex ministro Fioroni che prevedeva ben 160mila assunzioni a tempo indeterminato tra personale docente e Ata entro il 2009.

Per la Flc Cgil del Trentino il giudizio sul provvedimento provinciale è quindi positivo. Per il sindacato di via Muredei, il presidente della Provincia Lorenzo Dellai è promosso, mentre per la ministro Mariastella Gelmini, la Flc Cgil del Trentino propone una sonora bocciatura.

Entrando nel dettagli delle immissioni in ruolo, va ricordato che la Provincia ha rispettato gli stessi parametri del 2007, garantendo una copertura delle cattedre vacanti rispettivamente del 30% per le classi di insegnamento in cui il rapporto docenti di ruolo/organico sia superiore al 92% e del 50% per quelle in cui lo stesso rapporto sia inferiore alla soglia del 92%. Il provvedimento si traduce in 45 assunzioni nella scuola primaria (di cui 10 per il sostegno), in 87 per la scuola secondaria di primo grado (di cui 14 per il sostegno) e infine in 73 per la scuola secondaria di secondo grado (di cui 3 posti per il sostegno).

3 luglio 2008

 

 

TORNA SU