NEWS

Unicredit. Venerdì 2 maggio lavoratori in sciopero

I sindacati di categoria protestano per le condizioni di lavoro di circa 2.300 dipendenti nelle province di Trento, Bolzano e Verona. In Trentino si tratta di 500 lavoratori.

Unicredit. Venerdì 2 maggio lavoratori in sciopero

Venerdì 2 maggio i dipendenti del gruppo Unicredit nelle province di Trento, Bolzano e Verona sciopereranno per l'intera giornata. La mobilitazione è stata proclamata dai sindacati confederali di categoria, Fiba Cisl, Fisac Cgil, Uilca Uil e dalle altre sigle del settore credito.

Le ragioni dello sciopero riguardano le condizioni di lavoro dei circa 2.400 dipendenti di Unicredit che operano nelle tre province. In particolare i sindacati intendono protestare contro le continue pressioni dell'azienda sui dipendenti per la vendita di prodotti commerciali, all'unico scopo di raggiungere obiettivi prefissati sempre più alti, anche quando i prodotti in questione non mirano a soddisfare le reali esigenze della clientela.

Inoltre i sindacati del settore chiedono a Unicredit di attivare nuovi part time e di aumentare i livelli di sicurezza dei dipendenti degli sportelli bancari contro i tentativi di rapina.

Infine Unicredit, dopo l'annuncio dell'unificazione con Capitalia, ha previsto un significativo taglio del personale, a partire dai dipendenti più vicini alla maturazione dei requisiti per il pensionamento. Ciò si è tradotto per lo più in una contrazione del personale degli sportelli bancari. Questa operazione – sostengono i sindacati del credito - ha acuito le problematiche legate alla cronica carenza d'organico degli sportelli bancari del gruppo, scaricandosi quindi negativamente sulle condizioni di lavoro dei dipendenti.

Per tutti questi motivi le organizzazioni sindacali hanno proclamato la giornata di sciopero del 2 maggio prossimo. In Trentino la vertenza riguarda circa 500 lavoratrici e lavoratori.

29 aprile 2008

 

 

TORNA SU