NEWS

Inflazione record. Purin (Cgil): “Interventi su beni primari”

A gennaio in Trentino l'inflazione (+ 1,3%) va meglio che nel resto d'Italia (+2,9%). Ma i beni alimentari salgono del 4,6%. Purin: “Va attivato il tavolo di concertazione su tariffe e prezzi”.

Inflazione record. Purin (Cgil): “Interventi su beni primari”«Ora l'attivazione del tavolo di concertazione con la Provincia su prezzi e tariffe si fa urgente. Non possiamo perdere altro tempo. Se a gennaio in Trentino l'inflazione (+ 1,3%) cresce meno che nel resto d'Italia (+2,9%), i prezzi di energia e beni alimentari sembrano fuori controllo e per questo vanno tenuti sotto stretta osservazione.» Ruggero Purin, segretario generale della Cgil, chiede al presidente della Provincia Lorenzo Dellai, di mantenere la parola data. Dal confronto sulla Finanziaria, sindacati e giunta provinciale era scaturito un memorandum d'intesa che conteneva l'impegno di attivare tavoli di concertazione anche sul tema dell'inflazione e del carovita. «Sappiamo che la Provincia – spiega Purin – sta lavorando per organizzare il confronto. Ma bisogna accelerare. Insieme dobbiamo trovare soluzioni utili a tutelare il potere d'acquisto delle famiglie più deboli e del ceto medio, che rischia di essere progressivamente erose dall'impazzimento della dinamica dei prezzi. Dobbiamo anche darci una strategia di lungo periodo. Difficilmente infatti i prezzi dell'energia e dei beni alimentari, a causa della forte domanda mondiale, torneranno a scendere in breve tempo». Resta il tema della casa e dei mutui che hanno forti ripercussioni sui bilanci familiari. «Il piano casa – continua Purin – è un primo passo nella giusta direzione. Ma per frenare i prezzi degli immobili si deve sperimentare al più presto il canone moderato, uno strumento innovativo che ancora la giunta non ha varato. I 3mila alloggi da affittare a un costo ridotto rispetto a quelli di mercato devono essere previsti quanto prima». 23 febbraio 2008

 

 

TORNA SU