NEWS

Gli studenti per la verifica. Bertoldi (Flc Cgil): “Perché Dellai si sorprende?”

Gli studenti del Da Vinci vogliono la verifica del recupero dei debiti. Per il sindacato della scuola è ora che il presidente assessore convochi sindacati e studenti per rivedere la delibera di gennaio.

Gli studenti per la verifica. Bertoldi (Flc Cgil): “Perché Dellai si sorprende?”«Siamo sorpresi dalla meraviglia suscitata nel presidente Lorenzo Dellai dalla richiesta sempre più esplicita degli studenti di poter sostenere una verifica che certifichi il recupero dei debiti formativi. Gli studenti sanno essere molto più maturi di quanto pensano gli adulti. Noi non ne avevamo dubbi». Gloria Bertoldi, segretaria della Flc Cgil del Trentino, esordisce così commentando la notizia che il presidente della Provincia di Trento, nonché assessore all'istruzione, è stato bacchettato dagli studenti del liceo Da Vinci di Trento, per non aver introdotto anche in Trentino la verifica del recupero dei debiti formativi, voluta dal ministro Fioroni a livello nazionale. Sulla stessa questione i sindacati hanno raccolto nei giorni scorsi oltre mille firme di insegnanti della scuola superiore che chiedono l'applicazione del decreto ministeriale. «Speriamo – prosegue Bertoldi – che il presidente-assessore si convinca della necessità di aprire un confronto vero. Dopo essersi scontrato con i sindacati della scuola, con i docenti, adesso impatta anche nelle critiche degli studenti. Avrà capito che i problemi della scuola si affrontano partendo da chi nella scuola ci studia e ci lavora? Se si fosse preoccupato prima di ascoltare, forse si sarebbe meravigliato meno di trovare studenti ed insegnanti insieme nel condividere le stesse preoccupazioni. Insomma, ora attendiamo una convocazione da parte del presidente Dellai». Per Bertoldi con il suo decreto il ministro Fioroni non assume per la scuola italiana un modello competitivo, ma vuole solo stimolare la crescita complessiva degli alunni. «Solo per semplificazione giornalistica – spiega la sindacalista – si chiama esame di riparazione la verifica del recupero dei debiti, che è altra cosa. Rispetto ad un tempo, infatti, il recupero avviene durante l'anno scolastico o durante il periodo estivo ma sempre all'interno delle istituzioni formative. Insomma non si tratta di un ritorno al passato, ma solo del bisogno di adottare strumenti utili alla certificazione del superamento di lacune. Se trascinate nel tempo, queste lacune possono compromettere la qualità dell'apprendimento e quindi il valore stesso del titolo di studio. Anche in questo modo si garantisce il diritto-dovere allo studio che deve consentire a tutti di accedere ai più alti gradi di istruzione, al di là di ogni differenza sociale e di censo».

 

 

TORNA SU