NEWS

Piano casa. Purin (Cgil): “Ora il canone moderato al più presto”

La giunta provinciale presenta il piano straordinario di edilizia pubblica a più di due anni dalla riforma dell'Itea. Mancano però i 3mila alloggi ad affitto calmierato. Purin: “Senza quest'innovazione il piano è monco”

Piano casa. Purin (Cgil): “Ora il canone moderato al più presto”«Il piano è ancora monco. Manca infatti la parte più innovativa, ossia i 3mila alloggi a canone moderato che Provincia ed Itea si erano impegnati a realizzare entro il 2016 per dare risposta alle famiglie che, pur non avendo i requisiti per la casa pubblica, non possono acquistare un alloggio sul mercato. La giunta deve colmare questa lacuna al più presto». E' questa in sintesi la posizione della Cgil del Trentino, che per bocca del suo segretario generale Ruggero Purin ricorda alla giunta i termini del protocollo d'intesa tra esecutivo provinciale, Itea e sindacati sottoscritto nell'agosto del 2006. «Rispetto 9mila alloggi previsti complessivamente – prosegue Purin – la giunta ha messo sul piatto le prime 3mila nuove unità abitative. Altre 3mila verranno dalla ristrutturazione del patrimonio esistente. Mancano quindi all'appello gli alloggi a canone moderato. Non si tratta di una mancanza di poco conto. Infatti con questo nuovo strumento di politica sociale si sarebbe intervenuti a sostegno di quella classe media che oggi in Trentino soffre maggiormente del caro affitti e degli aumenti dei mutui, rendendo impossibile l'accesso al mercato delle locazioni e insostenibile il carico finanziario per l'acquisto della prima casa». Per la Cgil quindi il giudizio sull'operato della Giunta provinciale è sub judice, sebbene i vertici di via dei Muredei considerino positivamente il parto di questi primi 3mila alloggi. «Il percorso – conclude Purin – va completato rapidamente rispettando gli impegni fin qui assunti dalla giunta. Ora c'è da affrontare la questione dell'applicazione dell'Icef per la determinazione dei canoni sociali. L'incertezza infatti sta creando preoccupazioni più che legittime tra gli inquilini che qualcuno tenta di cavalcare strumentalmente. Su tutta questa partita vanno attivati i tavoli di concertazione concordati con la giunta in occasione del confronto sulla Finanziaria 2008. Dobbiamo dare risposte certe in tempi rapidi». 20 febbraio 2008

 

 

TORNA SU