NEWS

Trentino trasporti. Beccati (Filt Cgil): “Contratto aziendale entro marzo”

Firmata un'intesa per rinnovare il contratto integrativo. Beccati: “Benefici per tutti i 1.200 dipendenti”. Intanto slitta il progetto di separazione dell'azienda.

Trentino trasporti. Beccati (Filt Cgil): “Contratto aziendale entro marzo”Un nuovo contratto aziendale e il rinvio dello sdoppiamento della società. È questo l'esito del confronto, più volte richiesto dalle organizzazioni sindacali, tra i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil e i vertici della Trentino Trasporti, l'azienda di trasporto pubblico della Provincia Autonoma di Trento nata nel 2002 dalla fusione di Atesina e Trento Malè. In avvio di incontro, il presidente Vanni Ceola ha comunicato che la più volte annunciata divisione della società in due compartimenti – esercizio e infrastrutture – non è ancora stata definita dalla Provincia. Con l'ultima legge finanziaria nazionale, il Governo ha fatto slittare infatti la scadenza della concessione per il servizio di trasporto pubblico a fine 2008. Se questo termine verrà confermato da un decreto attuativo, la proprietà pubblica avrà più tempo per definire l'operazione e mettere in grado l'azienda di affrontare l'inevitabile gara d'appalto internazionale. Ma la novità più significativa è la volontà, messa nero su bianco, di giungere in poco più di un mese al rinnovo del contratto integrativo aziendale scaduto nel 2005. In un verbale d'intesa, sindacati ed azienda hanno stabilito di aprire una trattativa no stop per giungere entro metà marzo alla sottoscrizione di un nuovo contratto aziendale. «Non si tratta – spiega Antonio Beccati, segretario della Filt Cgil del Trentino – di un passaggio di routine. Il contratto aziendale è infatti scaduto da oltre due anni. Non solo. All'interno della trattativa provvederemo all'omogenizzazione dei contratti di lavoro che, a distanza di ben sei anni dalla fusione, sono ancora parzialmente differenti nei trattamenti economici e normativi tra i dipendenti della ex Atesina e della ex Trento Malè. È quindi un risultato molto positivo, che darà risposte concrete a tutti i 1.200 dipendenti della Trentino Trasporti». 4 febbraio 2008

 

 

TORNA SU