NEWS

Spi Cgil: "Il governo vuol fare la festa ai nonni"

«Quella del 2 ottobre sarà l'ennesima iniziativa di propaganda, ma il disagio degli anziani resta intatto in tutta la sua drammaticità»

Spi Cgil: Domenica 2 ottobre è da sempre la festa degli angeli custodi ma, quest’anno per legge, sarà anche la festa dei nonni. La legge 159 del 31 luglio 2005, infatti, istituisce la festa nazionale dei nonni. Questa legge è la dimostrazione lapalissiana che il governo punta solo alla propaganda, invece di rispondere ai veri problemi degli anziani. La festa, secondo la legge, dovrebbe rappresentare un momento importante per celebrare il ruolo dei nonni all’interno delle famiglie e della società. La legge invita, inoltre, le Regioni, le Province e i Comuni a promuovere, nell’ambito della loro autonomia, iniziative di valorizzazione del ruolo dei nonni. A nostro avviso gli anziani continuano ad essere considerati dei semplici consumatori e non dei soggetti che rappresentano un valore per la società. Crediamo che, nonostante la legge, il disagio esistenziale ed economico degli anziani rimanga nella sua drammaticità. In questo momento di declino economico e sociale del Paese non c’è nulla da festeggiare. Noi registriamo che milioni di anziani e pensionati sono spinti sotto la soglia di povertà a causa del calo del potere d’acquisto delle pensioni e dell’incontrollato aumento dei prezzi e delle tariffe. In questi anni il governo si è “dimenticato” di tutelare il potere d’acquisto delle pensioni, di ridistribuire i benefici fiscali anche ai pensionati, di istituire il fondo per la non autosufficienza, di trasferire risorse agli Enti locali per far funzionare i servizi. Dobbiamo, purtroppo, constatare che la politica di questo governo continua ad essere improntata ad affossare l’economia ed affamare le famiglie italiane. Pertanto, il 2 ottobre non parteciperemo ad alcuna festa ed invitiamo tutti i lavoratori, i pensionati e gli anziani a non partecipare a manifestazioni istituzionali puramente retoriche e celebrative. 20 settembre 2005

 

 

TORNA SU