NEWS

Porfido. Beber (Fillea Cgil): “Aumentare concorrenza e sicurezza“

La Fillea Cgil aveva sostenuto un disegno di legge più coraggioso che poi era naufragato. Beber: “I disciplinari devono garantire la concorrenza. Serve concertazione”.

Porfido. Beber (Fillea Cgil): “Aumentare concorrenza e sicurezza“ «Il problema concorrenza nel settore porfido è concreto e reale. Per questo i sindacati avevano già sollevato la questione criticando l'inadeguatezza, sotto questo profilo, della nuova legge di settore approvata nell'autunno dello scorso anno. Come Fillea Cgil avevamo quindi spinto per un disegno di legge alternativo che però non è stato accolto dalla Giunta provinciale». E' questo il commento di Renato Beber della Fillea Cgil del Trentino, sulla notizia della procedura di infrazione aperta dall'Unione Europea nei confronti della Provincia di Trento accusata di un eccesso di protezionismo nelle concessioni di cava nel settore del porfido. L'esposto agli organi di garanzia della Ue fu predisposto dai gruppi di minoranza dei consigli comunali di Albiano, Fornace e Lona-Lases. «La decisione dell'Unione Europea – continua Beber – testimonia che erano necessari altri strumenti per coniugare i diritti delle aziende trentine e la necessaria concorrenza tra le imprese, indispensabile, fino ad un certo grado, anche a rendere più innovativo il settore. Ora tutto passa attraverso i comuni che devono ridefinire i disciplinari di concessione, vincolando lo sfruttamento delle cave a precisi volumi. Il problema però è il conflitto di interessi tra concessionari e decisori pubblici, che nel territorio del porfido, spesso si sovrappongono». Per Beber i nuovi disciplinari devono quindi essere ben congeniati. «Dobbiamo raggiungere – conclude il sindacalista – diversi obiettivi: non solo aumentare la concorrenza, ma anche la tutela della salute e della sicurezza del lavoro. Per questo nella redazione dei disciplinari i comuni devono rispettare il principio della concertazione, coinvolgendo per tempo i sindacati». 21 novembre 2007

 

 

TORNA SU