NEWS

Texbond. Campana (Filtea Cgil): “Ferie forzate per 60 lavoratori”

L'azienda di Rovereto produce tessuti impiegati in diversi settori e occupa un centinaio di lavoratori.

Texbond. Campana (Filtea Cgil): “Ferie forzate per 60 lavoratori”«Denunciamo con forza il comportamento della Texbond di Rovereto, che ha deciso unilateralmente di mandare in ferie ben 60 lavoratori, senza dare alcuna spiegazione e negando il confronto con le organizzazioni sindacali». Inizia così la nota di Mariano Campana (Filtea Cgil) e di Corrado Dalvit (Femca Cisl) sulla insostenibile decisione nell'azienda della città della Quercia, che produce tessuto non tessuto con impieghi in diversi settori, dal sanitario all'agricoltura fino all'edilizia. Come detto, il 31 ottobre scorso l'azienda ha messo in ferie 60 dipendenti adducendo motivi di carenza di commesse. «Già nelle ultime settimane – spiegano i sindacalisti di Cgil e Cisl - gli operai avevano evidenziato un calo di lavoro e alcuni erano stati mandati in ferie. Poi quando è stata comunicata loro la decisione, l'azienda ha negato ai rappresentanti della rsu la possibilità di un incontro di chiarimento, sostenendo che non ce n'era alcun motivo. L'azienda si sta comportando in modo scorretto e inqualificabile: mentre i lavoratori hanno bisogno di certezze, la proprietà impedisce loro di sapere se la crisi è strutturale o se invece solo temporanea». Per Campana e Dalvit alcuni la crisi erano nell'aria, anche perché la proprietà si è sempre opposta a discutere il rinnovo del contratto aziendale, scaduto ormai da più di due anni e mezzo. «Già questo – denunciano i sindacalisti – ci dava da pensare sulla reale solidità dell'azienda. Ma va ricordato che negli anni la Texbond ha avuto accesso i benefici della legge provinciale per il sostegno della attività produttive. Ora quindi deve intervenire anche l'assessore Benedetti per chiedere all'azienda trasparenza e chiarezza». Alla Texbond, denunciano i sindacati, i livelli di contratti a termine o in somministrazione sarebbero ben al di sopra dei limiti consentiti dai contratti collettivi di lavoro. «Pur avendo richiesto ripetutamente i dati sui contratti di lavoro precari – continuano Dalvit e Campana – l'azienda non ci ha mai fornito alcuna stima ufficiale. Ma la precarietà alla Texbond è sicuramente eccessiva». Sta di fatto che Filtea Cgil e Femca Cisl sono allarmate per la situazione e il futuro dell'azienda. Ora chiedono sia l'assessore Benedetti a convocare le parti al più presto. 6 novembre 2007

 

 

TORNA SU